Navigation

"Le multe sul velo le pago io"

Rachid Nekkaz, facoltoso imprenditore, conferma a Locarno le indiscrezioni dei giorni scorsi

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2015 - 20:48

"Pagherò tutte le multe ticinesi, di qualunque importo. Siete un popolo che ama i soldi. E dunque sarò ancora più felice di versarli nelle vostre casse pubbliche". È con queste parole che Rachid Nekkaz, l'imprenditore franco-algerino che da quattro anni paga le multe alle donne francesi, belghe e olandesi con il burqa o il niqab, ha confermato giovedì in Piazza Grande a Locarno che intende fare la stessa cosa anche in Ticino, una volta che la "legge an ti-burqa"Link esterno entrerà in vigore.

"Queste leggi seguono solo logiche elettorali. Ed il mio obiettivo è quello di neutralizzarle", ha aggiunto. "Bisogna fare molta attenzione a non violare i valori fondamentali. Le donne che portano il burqa , lo fanno in piena libertà", ha proseguito.

Le vie d'accesso a Piazza Grande sono state presidiate da una ventina di agenti della polizia cantonale e comunale, un dispositivo di sicurezza contro eventuali disordini o proteste.

joe.p.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.