Navigation

"L'Ungheria umilia i rifugiati"

Le condizioni nelle quali vivono gli ultimi profughi riusciti ad entrare nel paese magiaro, prima della chiusura delle frontiere è precario. Così l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2015 - 20:22

L'Unhcr, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, manifesta preoccupazione per la gestione dell'emergenza profughi in Ungheria già da maggio, sostenendo che il governo magiaro utilizzi modalità umilianti per le migliaia di persone in fuga dalle guerre e dalla povertà.

Incontriamo Montserrat Feixas Vihe, rappresentante territoriale per l'Europa Centrale dell'Unhcr, durante la preparazione degli ennesimi pullman per rifugiati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.