Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Vite singolari Andata e ritorno - Il treno come casa

Un orologio di stazione svizzera ripreso in piena notte: si vedono solo quadrante e lancette

Per chi dorme in treno, è ora di salire a bordo.

(RSI-SWI)

Una ventina d'anni fa, una giornalista RSI si mise in viaggio di notte per raccontare la storia di chi, come casa, non aveva che i treni e le stazioni. Passeggeri permanenti che, combinando delle corse notturne con qualche pausa nelle pochissime sale d'aspetto svizzere aperte ventiquattr'ore, riuscivano a fare a meno di un letto e di un tetto. Per scelta, per solitudine o per rimediare a un momento di difficoltà.

Nel 1997, l'abbonamento che consente di viaggiare illimitatamente sui mezzi pubblici di tutta la Svizzera costava 2600 franchi. In seconda classe, ma pur sempre per un anno: decisamente meno dell'affitto di un appartamento.

E così, uno dei protagonisti del racconto, un muratore svizzero tedesco sulla cinquantina, ha deciso di vivere in treno. Da quando ha divorziato con la moglie, percorre centinaia di chilometri al giorno (sfruttando itinerari circolari come Chiasso-Basilea-Zurigo-Chiasso) e solo quando trova lavoro, per un po', affitta una stanza.

Negli anni, ha incontrato diverse persone che, come lui, vivono saltando da un treno all'altro. Hanno trovato il modo di stare tra la gente pur non appartenendo più a una precisa categoria sociale e al contempo "scomparire", mescolandosi tra i passeggeri.

Banchina di stazione di notte; con treno e controllore e teleindicatore a palette con scritto EN Chiasso Roma

L'Euronotte Zurigo-Roma, uno dei treni che i viaggiatori permanenti sfruttavano, sulla tratta svizzera, per passare la notte.

(RSI-SWI)

Il documentarioLink esterno è dedicato ai pochi superstiti di questa vita ("due o tre", secondo un controllore), ormai difficile da fare negli anni Novanta a causa della soppressione di treni notturni e la trasformazione delle stazioni da luogo d'accoglienza a spazio di passaggio.

Uno di essi campa con gli aiuti sociali, un altro ha avuto un incidente militare e da tre anni riesce a dormire solo da seduto: l'ideale per chi è sempre in carrozza, dove passa il tempo leggendo e facendo due chiacchiere con gli altri passeggeri.

"Il treno è addirittura un luogo adatto per meditare, se ne sei capace".

(1)

Documentario d'archivio della RSI su persone senza una casa che, negli anni 90 vivevano viaggiando in treno, giorno e notte

Il servizioLink esterno di Krysia Binek, originariamente intitolato 'Andata e ritorno', fu trasmesso dal settimanale 'Rebus' il 27 gennaio del 1997.

tvsvizzera.it/ri con RSI (Teche)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box