Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Indagati due presunti reclutatori Vasta operazione contro l'Isis in Ticino

terrorismo

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una persona è stata arrestata e numerosi appartamenti sono stati perquisiti oggi in Ticino nell’ambito di due vaste operazioni condotte contro sospetti appartenenti o fiancheggiatori dello Stato Islamico (ISIS). Sentito anche l'Imam di Viganello.

Tra gli obiettivi passati al setaccio da oltre un centinaio di agenti della polizia ticinese e di quella federale anche un luogo di culto, la moschea di Viganello (Lugano), nella quale però, precisa una nota della Procura federale, non sono state adottate misure di sicurezza. L’imam è stato sentito dagli inquirenti in qualità di persona informata sui fatti.

Il blitz prende le mosse da due separate inchieste portate avanti dal Ministero pubblico della Confederazione e dalla Procura ticinese dalle quali sono però emersi alcuni collegamenti.

L’indagine condotta a Berna coinvolge due cittadini turchi, uno dei quali – quello arrestato che lavora presso l’agenzia di vigilanza Argo 1 di Cadenazzo - ha anche passaporto elvetico. Sono entrambi sospettati di aver contribuito al reclutamento di combattenti dell’ISIS in Svizzera, verosimilmente soprattutto in Ticino. Oltre al sostegno e alla partecipazione a organizzazioni terroristiche, i due sono indagati in relazione al divieto di rappresentare atti di cruda violenza.

Inchiesta ticinese sull'agenzia di sorveglianza

Ma l’agenzia Argo 1, dove operava il presunto reclutatore jihadista arrestato, è a sua volta al centro di un’inchiesta svolta dalla Procura cantonale. Il titolare, un 36enne svizzero, è stato ammanettato in relazione a episodi violenti risalenti a un mese fa nei confronti di almeno un giovane richiedente asilo ed è indagato per usura, sequestro di persona e atti di violenza.

Su questa stessa vicenda sono in corso accertamenti istruttori che coinvolgono anche alcuni agenti della polizia cantonale. All’agenzia di sorveglianza è stata nel frattempo revocata la gestione del centro per richiedenti asilo di Camorino.

-Il comunicato del Ministero pubblico della ConfederazioneLink esterno

terrorismoapp

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

tvsvizzera/spal

×