Svizzera, riuscita iniziativa "Per imprese responsabili"

Sostenuta da 80 organizzazioni, ha raccolto 120 mila firme; mira a che le aziende tutelino ambiente ed esseri umani anche all'estero

L'iniziativa intitolata "Per imprese responsabili: a tutela dell'essere umano e dell'ambiente" ha avuto successo. A sostenerla 80 organizzazioni anche non governative, come Terre des hommes, Greenpeace e Amnesty International. I promotori si sono dati appuntamento lunedì mattina a Berna per la consegna delle 120 mila firme.

"Per imprese responsabile" chiede che le aziende svizzere, anche quelle con attività all'estero, siano obbligate a rispettare e a proteggere i diritti umani e l'ambiente. Non dovessero farlo, dovranno renderne conto alla giustizia. Le vittime potranno quindi sporgere denuncia in Svizzera per ottenere un risarcimento dei danni subiti.

Tra i membri del comitato dell'iniziativa Dick Marty -ex consigliere agli Stati liberale-radicale, conosciuto anche per i suoi rapporti al Consiglio d'Europa sulle prigioni segrete della CIA- e Cornelio Sommaruga -già presidente del Comitato internazionale della Croce rossa (CICR).

Per gli iniziativisti, in gioco non vi sono solo questioni etiche e di giustizia, ma anche l'immagine del nostro paese a livello internazionale.

×