Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

25 anni di Centro svizzero di calcolo scientifico

Nell'avveniristica sede di Lugano, l'istituto di ricerca ospita supercomputer da milioni di miliardi di operazioni al secondo

Venticinque anni fa apriva a Manno il Centro svizzero di calcolo scientifico. Spostatosi a Lugano nel 2012, è un istituto di ricerca di rilievo sul piano internazionale; nel 2015 ospitava il supercomputer più potente d'Europa.

Il primo supercalcolatore al CSCS, nel 1991, aveva una potenza di quasi 10 volte inferiore a quella degli attuali smartphone. Oggi, la macchina più potente produce 8 milioni di miliardi di operazioni al secondo.

Operazioni utili a ricercatori che possono effettuare delle simulazioni, come ricreare su computer la terra per studiare i terremoti, o fare delle previsioni su fenomeni meteorologici.

I supercomputer del CSCS permettono poi di analizzare grandi quantità di dati, provenienti ad esempio dal CERN di Ginevra.

"La sfida più grande è l'enorme concorrenza che abbiamo", spiega il direttore del CSCS Thomas Schultess, "a partire da compagnie come Google che hanno molti più soldi e quindi fanno aumentare i prezzi di acquisto dei sistemi. Ma un'altra difficoltà è la concorrenza nell'assunzione di personale qualificato. Dobbiamo davvero impegnarci per trovare persone in gamba."

Eppure il percorso che ha portato alla creazione del CSCS è stato assai in salita, come ricorda Michele De Lorenzi, ex condirettore del Centro [cfr. video].

Il Centro svizzero di calcolo scientifico conta una settantina di collaboratori di 13 nazionalità diverse.

Scopri di più nell'intervista a una scienziata italiana impiegata al CSCS: La mia Svizzera #3: Maria Grazia GiuffredaLink esterno e qui: A Lugano il supercomputer più potente d'EuropaLink esterno.

×