Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Votazioni del 12 febbraio Riforma dell'imposizione alle imprese, “5 miliardi in gioco”

La terza riforma dell'imposizione alle imprese, su cui il popolo svizzero si esprimerà il prossimo 12 febbraio, ha lo scopo di abolire i privilegi fiscali per molte aziende, per evitare ritorsioni da parte della comunità internazionale. Allo stesso tempo vuole evitare il loro esodo all'estero, salvaguardando centinaia di migliaia di posti di lavoro. I contrari alla riforma temono che le conseguenti perdite fiscali possano ripercuotersi pesantemente sui cittadini.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

“In gioco ci sono 5 miliardi di entrate fiscali e 150’000 posti di lavoro, nonché l’immagine di una Svizzera che vuole restare innovatrice e tecnologica”. Sono le parole del ministro delle finanze elvetico Ueli Maurer.

A causa delle pressioni esterne (soprattutto quelle di UE e OCSE), il Governo e il parlamento svizzeri, con la terza riforma dell’imposizione alle imprese, vogliono eliminare i privilegi fiscali e obbligare i cantoni a fissare delle aliquote uguali per tutte le imprese. Contemporaneamente, per evitare l’esodo delle aziende senza più privilegi, verrebbe introdotto un nuovo pacchetto di agevolazioni “eurocompatibili”.

Di queste nuove agevolazioni beneficerebbero tuttavia tutte le imprese, causando perdite fiscali miliardarie, compensate solo in parte dall'aumento dell'imposta sui dividendi.

Sinistra, sindacati e molte città e comuni sono quindi contrari alla riforma, perché ritengono che le perdite fiscali dovrebbero poi essere compensate dai cittadini e si tradurrebbero in tagli ai servizi e in un aumento delle imposte per le persone fisiche.

La decisione finale spetterà comunque al popolo che si esprimerà il prossimo 12 febbraio. Secondo il sondaggio condotto dall'istituto di ricerca gfs.bern, per conto della Società svizzera di radiotelevisione (SSR), la riforma III dell’imposizione delle imprese raccoglie il 50% di consensi, mentre il 35% degli intervistati è contrario e il 15% è ancora indeciso.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.


tvsvizzera.it/ZZ con RSI (TG del 14.01.2017)

×