Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

legge "Swissness" Cioccolato, il marchio svizzero fa discutere

Dal primo gennaio 2017 è entrata in vigore la nuova legge “Swissness”, che obbliga chi vuole servirsi del marchio “Made in Switzerland” o della bandiera rossocrociata sui suoi prodotti a soddisfare determinati parametri. Sono tuttavia previste diverse deroghe, una situazione che non piace agli ideatori del testo.

cioc

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il marchio svizzero è fondamentale soprattutto per il mercato estero, dove è una garanzia che giustifica i prezzi più alti dei prodotti elvetici. Per evitare abusi, la nuova legge entrata in vigore quest’anno impone che i prodotti naturali, quali piante o carne, così come il latte e suoi derivati, provengano al 100% dal territorio elvetico.  

La «swissness» in breve

Con il termine «swissness» ci si riferisce alla revisione della Legge federale sulla protezione dei marchi e sull’indicazione di provenienza, adottata dal parlamento svizzero nel 2013. Questa revisione, entrata in vigore il 1° gennaio 2017, definisce quali sono i criteri perché un prodotto possa essere definito di provenienza svizzera.

I prodotti alimentari devono per esempio contenere l’80% di materie prime elvetiche per portare l’indicazione di provenienza svizzera, con delle eccezioni per le materie prime che in Svizzera non esistono, come il cacao e il caffè. 

Fine della finestrella

Per le altre derrate alimentari è necessario un minimo dell'80% di materia prima svizzera. Per i prodotti industriali il tasso è fissato al 60%.

Diverse eccezioni sono tuttavia previste, come ad esempio per lo zucchero bio fair trade utilizzato dalla fabbrica di cioccolato Maestrani, che potrà continuare a stampare la bandiera svizzera sulle sue tavolette.

Protezione o protezionismo?

"Ognuno è riuscito a far inserire nella lista delle eccezioni gli ingredienti di cui ha bisogno, per poter continuare a servirsi della nostra bandiera. Ma così la legge è stata stravolta dai lobbisti", ha commentato lo scorso mese l’ideatore del testo, il parlamentare sciaffusano e imprenditore Thomas Minder.

Ma per l'industria alimentare, e in particolare del cioccolato, è la legge stessa ad essere sbagliata, c'è chi parla di protezionismo agricolo e ritiene che sia stato dato poco peso al valore aggiunto del “savoir faire” elvetico e troppo alla provenienza dei prodotti.

subscription form

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.


tvsvizzzera.it/ZZ con RSI (TG del 14.01.2017)

×