Navigation

Roma e la democrazia diretta

Coinvolgere maggiormente i cittadini è uno dei leit-motiv dell'amministrazione 5 Stelle a Roma. Ma il termine 'democrazia diretta' evoca qualcosa ai romani?

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2018 - 12:13

"Democrazia diretta? No, non mi dice nulla". Questa forma di democrazia non sembra essere conosciuta da molti romani.

"In Italia – afferma uno dei nostri interlocutori – non c'è mai stata la possibilità di rendere partecipi i cittadini alla vita del paese".

In novembre, i cittadini di Roma dovranno pronunciarsi su un referendum, promosso dai Radicali, sulla messa a gara del trasporto pubblico locale, ora affidato ad Atac. Un coinvolgimento della popolazione che però non fa l'unanimità. "Anni fa ho votato a un referendum. Ha vinto, ma poi i politici non hanno tenuto in considerazione il risultato e quindi adesso non voto più – ci dice una donna che tiene una bancarella a Campo dei Fiori. Intanto fanno sempre come vogliono loro".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.