Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Trattativa Stato-Mafia, giudici al Colle

Pm, legali e corte d'Assise di Palermo in trasferta al Quirinale per la deposizione, in qualità di testimone, del presidente Giorgio Napolitano.

Poco dopo le 10 e 30 è iniziata al QuirinaleLink esterno la deposizione di Giorgio Napolitano, che ha accettato di partecipare, in qualità di testimone, al processo in corso a Palermo sulla presunta trattativa Stato-Mafia, all'indomani delle stragi di Capaci e Via d'Amelio nel 1992 in cui morirono i giudici Falcone e Borsellino. Nella sala del Bronzino sono convenuti giudici togati e popolari della Corte d'Assise di Palermo, difensori e il collegio dell'accusa presieduto dal procuratore Leonardo Agueci.

Due i punti su cui è focalizzata l'attenzione dei procuratori, vale a dire la famosa lettera dell'ex consigliere giuridico, nel frattempo deceduto, Loris D'Ambrosio del presidente della Repubblica in cui si accennava a "indicibili accordi" e l'informativa del servizio segreto Sismi sulla possibilità di un attentato nell'estate del 1993 contro lo stesso Napolitano, allora presidente della Camera.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box