Navigation

Traffico e mobilità, soluzioni in corso

Traffico, code chilometriche, lunghe attese, rumore, inquinamento. Problemi coi quali è confrontato quotidianamente chi vive o lavora nelle zone di confine. Federica Corso Talento, della Sezione della mobilità del Dipartimento del territorio del canton Ticino, lavora per trovare delle soluzioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2017 - 11:33

C’è già chi, come Chiara Martinelli, frontaliera e assistente di volo all’aeroporto di Lugano-Agno, condivide la macchina con dei colleghi per risparmiare e creare meno traffico. Tuttavia, non tutti fanno come lei. Più dell’80% di coloro che vengono a lavorare in Ticino dall’Italia hanno a disposizione un parcheggio gratuito, ed è dunque difficile che rinuncino all’automobile, anche quando viaggiano da soli.

Aiutare chi deve recarsi al lavoro proponendo metodi alternativi, meno nocivi all’ambiente (e anche ai nervi), è l’obiettivo di Federica Corso Talento, la quale ritiene che cambiare il modo di muoversi possa solo fare del bene e migliorare la qualità di vita attorno al confine.

Carpooling, navetta aziendale, treno, telelavoro: le soluzioni sono varie e molti stanno già muovendosi nella buona direzione, ma far cambiare abitudini alla gente è tutt’altro che facile.

Per scoprire i ritratti e gli approfondimenti del nostro dossier:


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.