Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Skyline Milano #5 Piero Colaprico, Milano e "La Mala"

C’era una volta una Milano popolata da banditi e gang criminali. Una città in cui la malavita, detta in dialetto locale “la ligera”, seminava terrore per le strade ed era responsabile di circa 150 omicidi all’anno. 

Negli ultimi anni, la metropoli italiana è profondamente cambiata. Milano, che con la Svizzera ha dei rapporti strettissimi, si è trasformata non solo dal punto di vista urbanistico, ma anche dal profilo sociologico ed economico.

In questa serie vi proponiamo cinque interviste con altrettante personalità che Milano ce l'hanno nel cuore. Dallo scrittore all'economista, dalla politica al deejay, ci raccontano come hanno vissuto questa trasformazione.

Fine della finestrella

Erano gli anni ’70, l’epoca di Francis Turatello detto “Faccia d’Angelo”, Angelo Epaminonda detto “il Tebano” e l’inafferrabile Renato Vallanzasca noto come il “Bel René”. Appariscenti e spietati, si contendevano il territorio di una metropoli in pieno sviluppo con sparatorie, rapine, rapimenti. C’era una volta e forse non c’è più. Piero Colaprico, storica firma del quotidiano milanese La Repubblica, quella Milano l’ha conosciuta bene. Da giovane cronista ha seguito la stagione della “mala”, ma ne ha anche visto e descritto il crepuscolo e ha assistito alla nascita di un’altra città, quella della corruzione politica, poi anch’essa eclissatasi con lo scandalo che Colaprico stesso battezzò “tangentopoli” coniando una delle definizioni più fortunate del giornalismo italiano. 

La Milano di oggi è profondamente diversa. Il crimine è in picchiata e le organizzazioni criminali operano con un profilo basso, cercando di passare inosservate e indisturbate. È cambiato anche il lavoro dei reporter. Lo testimonia la Mostra “La Mala a Milano” allestita presso Palazzo Morando che raccoglie foto di cronaca, articoli e materiale d’archivio dal dopoguerra agli anni ’70. «I quotidiani del pomeriggio erano l’internet dell’epoca – racconta Colaprico, che oggi è anche un apprezzato giallista -. Per vendere e tenere le persone costantemente informate uscivano il pomeriggio. Oggi se accade un delitto la notizia finisce subito sui siti web. Ma come viene raccontata? Un tempo molti giornalisti si fermavano un attimo prima della morbosità, prima di rivelare un particolare crudele che avrebbe magari rovinato la memoria della vittima e di coloro che conoscevano le persone coinvolte. Oggi internet sembra aver sdoganato il tutto e subito anche nel riferire le notizie dei crimini ed emergono dettagli sulla rete che è difficile controbilanciare o smentire. I bravi giornalisti ci saranno sempre, ma è come se fosse finita una scuola». Anche in questo Milano è cambiata. 

 

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box