Navigation

Dogane ticinesi chiuse, mozione al Pirellone

La chiusura di tre valichi di confine fra le 23 e le 5 procura disagi ai lavoratori frontalieri e non risolve il problema di sicurezza lamentato dalla Svizzera: ne è convinto il Consiglio regionale della Lombardia, che martedì ha approvato una mozione contro questa misura. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 aprile 2017 - 17:47
Claudio Moschin, tvsvizzera.it

Fatto raro ma non impossibile: all'ordine del giorno oggi al Consiglio Regionale della Lombardia c'era una mozione bipartisan, proposta da tre consiglieri regionali di tre diversi schieramenti politici, in genere mai d'accordo fra loro, ovvero Partito Democratico, Forza Italia e Lombardia Popolare. Al centro della mozione, una protesta formale per la decisione delle autorità elvetiche di chiudere di notte, per sei mesi, alcune dogane fra Lombardia e Ticino, e in modo particolare quella di Ponte Cremenaga. 

Una mozione che oltre ad avere la firma iniziale di appunto tre consiglieri di diversi partiti (Marsico, Alfieri e Cattaneo), ha visto il consenso successivo di quasi tutti gli schieramenti presenti in Regione Lombardia, eccetto la Lega Nord. Claudio Moschin ha incontrato proprio oggi due primi firmatari della mozione e altri due rappresentanti politici lombardi. E tutti sono d'accordo sul dissenso all'operazione “dogane chiuse”....

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.