Navigation

"Attraversare la frontiera è anche un fatto interiore"

Chiara è una “frontaliera al contrario”. Trasferitasi per amore a Lugano, lavora come insegnante in Italia. In Svizzera, spiega, il settore umanistico non offre grandi opportunità di occupazione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2017 - 16:59

Per scoprire i ritratti e gli approfondimenti del nostro dossier:


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.