Navigation

Voto libero in Myanmar

Dopo 25 anni nell'ex Birmania i cittadini sono chiamati per la prima volta a delle elezioni libere non boicottate dal principale partito di opposizione guidato da Aung San Suu Kyi

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2015 - 20:45

I cittadini di Myanmar, l'ex Birmania, voteranno domenica nelle prime elezioni libere degli ultimi 25 anni. Le prime a non essere boicottate dal principale partito di opposizione, la Lega Nazionale per la Democrazia guidata da Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la Pace, che promette un vero cambiamento. E la voglia di cambiamento è palpabile soprattutto tra i giovani imprenditori, formati all'estero e incoraggiati dalle aperture degli ultimi cinque anni a rientrare in Patria per contribuire alla costruzione del nuovo Myanmar.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.