Navigation

Von der Leyen eletta d'un soffio presidente della Commissione Ue

Ce l'ha fatta: la nuova presidente della Commissione Ue è lei. KEYSTONE/EPA/PATRICK SEEGER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 luglio 2019 - 19:45
(Keystone-SDA)

La ministra tedesca Ursula von der Leyen, designata dai Ventotto a succedere a Jean-Claude Juncker, è stata eletta dal Parlamento europeo presidente della Commissione europea.

Von der Leyen ha ricevuto 383 voti a favore, a fronte della maggioranza necessaria prevista di 374 voti: l'ha spuntata quindi per soli 9 voti. I contrari sono stati 327, ha annunciato il presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Il numero di votanti è stato di 733 con 22 schede bianche o nulle.

Sessantuno anni, di cui quattordici passati ininterrottamente da ministro della Cdu, medico, di sangue blu (discende da un barone di Brema diventato ricco commerciando con la Russia alla fine dell'Ottocento) e madre di sette figli nati in dodici anni dal matrimonio con un altro medico divenuto poi imprenditore: questo il suo profilo. Decisamente europeo è il suo orientamento, visto che è nata a Ixelles ed è cresciuta nella capitale dell'Europa, dove ha vissuto fino a 13 anni imparando, oltre al tedesco, il francese e l'inglese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?