Navigation

Veto di Orban alle sanzioni russe

Contenuto esterno

Nuova fumata nera ieri sulle sanzioni. Anzi, un passo indietro visto che, oltre al capitolo petrolio, c'è anche il patriarca Kirill a dividere Budapest e Bruxelles.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2022 - 21:08

Ad una manciata d'ore dal vertice europeo che aveva trovato un accordo politico sul sesto pacchetto di misure anti-russe, l'Ue ripiomba nel cul de sac magiaro e nella riunione degli ambasciatori dei 27 non riesce a mettere il sigillo sulle sanzioni. Sui tempi e sulle modalità della deroga al petrolio via oleodotti che è stata concessa a Viktor Orban, gli sherpa non sono riusciti a trovare una quadra. Non solo. Il leader ungherese ha alzato il tiro: oltre al greggio russo, ora vuole salvare anche il patriarca Kirill.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?