Navigation

VD: scoperto un cimitero dell'età del Bronzo finale a Denges

Un ossario (a destra) e dei vasi di accompagnamento di una tomba scoperta nel sito archeologico di Denges (VD). Archeodunum SA/L. Nicod sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2021 - 11:45
(Keystone-SDA)

Un'importante scoperta archeologica è stata fatta a Denges, tra Morges e Losanna, ha annunciato oggi il Canton Vaud. Uno scavo preventivo ai margini di un cantiere ha rivelato la presenza di una necropoli a incinerazione dell'età del Bronzo finale (ca. 950-900 a.C.).

"Queste sepolture hanno un carattere eccezionale, per il loro buono stato di conservazione in generale e per la loro densità", ha indicato il cantone in una nota. "Su scala nazionale, si tratta probabilmente di una delle necropoli più complete dell'età del Bronzo finale".

L'ultima scoperta di questo tipo risale a metà degli anni '90 nel canton Giura. Nel sito funerario di Delémont, En La Pran, scavato per la costruzione dell'autostrada A16, erano state rinvenute 35 sepolture a incinerazione dello stesso periodo.

Cantiere per un deposito di bus

La necropoli si trova sul sito protostorico di Denges - Les Delésulles, trovato nella primavera del 2019 durante le indagini archeologiche richieste dal Dipartimento cantonale di archeologia nell'ambito di uno studio di impatto ambientale. Queste erano collegate al progetto di costruzione del nuovo deposito di bus per l'impresa di trasporto regionale Morges-Bière-Cossonay (MBC).

Sebbene nessuna prova archeologica fosse nota in precedenza in questa zona industriale conosciuta come Trési, la superficie dei lotti interessati, quasi 20'000 m2, presentava un rischio elevato di toccare un sito che non era ancora stato registrato, ha spiegato il cantone. Il terreno, che in precedenza era stato utilizzato per l'orticoltura, aveva anche subito poche modifiche in profondità, un fattore che ha contribuito a preservare discreti resti archeologici, ha aggiunto.

"L'approccio si è rivelato giudizioso poiché ha portato alla scoperta di due tombe a cremazione e diversi frammenti di vasi di ceramica, suggerendo così l'esistenza di un sito protostorico inedito", sottolinea. Poiché questo sito è destinato a scomparire durante la costruzione del nuovo deposito di autobus, è stato ordinato uno scavo preventivo in questo settore, iniziato il 14 giugno.

Un centinaio di strutture archeologiche

"Finora, gli scavi hanno permesso di esplorare 8'500 m2 di terreno e hanno rivelato la ricchezza insospettata del sito. Un centinaio di strutture archeologiche, distribuite su una superficie di almeno 4'000 m2, sono già state identificate. Quasi la metà sono fosse sepolcrali che contengono i resti di morti cremati", indica il cantone.

Spesso segnate da lastre di copertura, le tombe consistono in piccole fosse circolari poco profonde in cui le urne possono essere disposte una accanto all'altra, impilate o graduate.

La decorazione di alcuni recipienti suggerisce che il principale periodo di attività della necropoli fu verso la fine dell'età del Bronzo, tra il 950 e il 900 a.C.. Questa fase cronologica è caratterizzata da una chiara predominanza del rito della cremazione.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.