Navigation

Aumento dei suicidi assistiti in Svizzera

Sempre più persone in Svizzera ricorrono al suicidio assistito e nel 2014 sono state 742, il 26% in più rispetto all’anno procedente.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 ottobre 2016 - 08:51
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG RSI dell'11.10.16)

Il 94% delle persone che si è rivolto ad associazioni che praticano il suicidio assistito, quali Exit o Dignitas, era di età superiore ai 55 anni; nella grande maggioranza dei casi soffriva di una malattia considerata grave o letale, rileva l’Ufficio federale di statistica nel suo secondo rapportoLink esterno sul tema.

I tumori sono la ragione principale per cui gli svizzeri prendono questa decisione: ne sono affetti il 42% degli individui in questione. Seguono le malattie neurodegenerative (14%), quelle cardiovascolari (11%) e quelle all'apparato locomotore (10%).

Nel periodo fra il 2010 e il 2014, il cantone con la più alta percentuale di suicidi assistiti è stato quello di Zurigo (1,4%), davanti a Ginevra (1,3%) e Neuchâtel (1,2%). Il Ticino si trova al quartultimo posto della graduatoria.

In Svizzera, la pratica dell’assistenza al suicidio è autorizzata dal 1942.

Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.