Navigation

Un "Piano Lugano" per la ricostruzione l'Ucraina

Quanti soldi saranno necessari per ricostruire l'Ucraina? Avalon All Rights Reserved.

La Svizzera si è assicurata una posizione di primo piano sulla scena internazionale questa settimana, invitando a Lugano attori di rilievo per pianificare la ricostruzione dell'Ucraina. Quali benefici ne potrà trarre questo Paese devastato dalla guerra? E qual è l'obiettivo della Svizzera?

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2022 - 08:40

Enormi quantità di capitali russi sono depositate in Svizzera. Questi beni devono essere confiscati? Se sì, possono essere utilizzati per la futura ricostruzione dell'Ucraina? Tali proposte sono ampiamente dibattute a livello internazionale. Anche in Svizzera l'idea è stata proposta in Parlamento. Ma se può sembrare seducente di primo acchito, in gioco c'è lo Stato di diritto della Confederazione. La nostra giornalista Tomoko Muth ha analizzato il tema con esperte ed esperti. La conclusione: le espropriazioni colpirebbero duramente la piazza finanziaria svizzera. Sarebbero però misure ipotizzabili a livello internazionale.

Il 4 e 5 luglio a Lugano, tuttavia, si parlerà solo marginalmente del capitale destinato alla ricostruzione. Al centro del dibattito vi saranno domande più basilari: chi lo farà? Come va fatto? Cosa è necessario? Quando si dovrà cominciare a ricostruire?

L'"Ukraine Recovery Conference" è un evento che ha l'obiettivo di iscriversi in una serie di incontri ai più alti livelli, come il summit del G7 in Baviera e il vertice della NATO a Madrid.  La lista dei partecipanti alla conferenza nella città ticinese non sarà altrettanto prestigiosa, ma l'incontro potrebbe dare il via alla definizione delle misure per la futura ricostruzione dell'Ucraina.

La conferenza ha luogo su iniziativa dell'attuale presidente della Confederazione, Ignazio Cassis. Quest'ultimo è originario della città ospitante e auspica che l'incontro si concluda con una "dichiarazione di Lugano", paragonabile al Piano Marshall che ha tracciato la ricostruzione dell'Europa dopo la Seconda guerra mondiale. Ciò assicurerebbe alla città un posto nella storia. Si tratta quindi anche di una questione di prestigio e di un'apparizione sulla scena politica mondiale.

La posta in gioco è ben più importante per l'Ucraina. "È difficile parlare di priorità quando i bisogni sono così tanti", spiega Manal Fouani, che lavora per il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) in Ucraina. Nell'articolo di Julia Crawford, l'esperta sottolinea anche che "la priorità è mettere fine alla guerra". La nostra collega ha discusso con Fouani e altri esperti ed esperte delle sfide di questa ricostruzione.

Le infrastrutture – ospedali, strade, intere città – non sono le sole a essere distrutte, anche la società è danneggiata. In Ucraina, c'è un elemento che potrebbe dissuadere gli Stati donatori a dimostrarsi generosi: secondo l'organizzazione Transparency International, l'ex repubblica sovietica è il Paese più corrotto in Europa. Anche questo tema sarà all'ordine del giorno a Lugano.

Se il piano svizzero funzionerà e verrà tracciata la futura ricostruzione dell'Ucraina, ciò segnerà un nuovo capitolo per i buoni uffici della Confederazione. In questi ultimi anni, il Paese ha intensificato gli sforzi per posizionarsi come mediatore nei conflitti internazionali, con Ginevra come centro del multilateralismo e la neutralità come garanzia di imparzialità. Ma quest'ultimo aspetto è in corso di ridefinizione: la Svizzera si è schierata con l'Occidente a fianco dell'Ucraina. Il presidente della Confederazione parla di "neutralità cooperativa".

La conferenza è quindi un'occasione per la Svizzera. Resta il fatto che il Paese delle banche e dei colletti bianchi non riesce a scrollarsi di dosso l'immagine di opportunista. Nella sola Lugano vivono 300 persone di nazionalità russa, in buona parte con patrimoni multimilionari. La città è il centro internazionale del commercio dell'acciaio russo e ucraino.  

Grazie alle aziende russe, Lugano incassa ogni anno fino a nove milioni di franchi di tasse, come ha rivelato il sindaco della città, Michele Foletti, ai giornali. Sorgono quindi domande legittime. La Svizzera ha agito con sufficiente determinazione nell'ambito delle sanzioni contro la Russia? È stata abbastanza rapida? Il nostro specialista di questioni economico-finanziarie Matthew Allen si è occupato del tema. "Gli oligarchi hanno avuto tutto il tempo necessario per mettere i loro averi al sicuro con l'aiuto di consulenti e avvocati", constata.

Nell'ambito dell'aggiramento delle sanzioni, una particolarità elvetica salta agli occhi: i porti franchi. Il Paese non ha porti internazionali - con l'eccezione di Basilea – e la costa marittima più vicina è a 200 chilometri. Ma la Svizzera possiede sette porti franchi, ai quali si aggiungono 174 depositi doganali aperti. Si tratta di luoghi in cui oggetti di valore possono essere immagazzinati lontano dagli occhi dei servizi doganali e delle autorità svizzera. La nostra collaboratrice Olivia Chang descrive le molte possibilità che questi luoghi offrono a chi vuole trasgredire la legge.

Seguite su swissinfo.ch la Conferenza di Lugano. I nostri giornalisti e le nostre giornaliste sul posto vi forniranno informazioni in dieci lingue, tra cui l'italiano. Grazie per la vostra attenzione!

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?