Navigation

Quando la 'vignetta' serviva per viaggiare in Italia

Il fasciscolo di contrassegni prestampati che il funzionario compilava, timbrava e staccava per consegnarli ai viaggiatori. RSI-SWI

È ormai esperienza comune, per gli italiani che viaggiano in auto o in moto verso il centro-nord Europa, fermarsi alla frontiera con la Svizzera per comprare la cosiddetta 'vignetta'. Ma c'è stato un tempo in cui erano gli svizzeri, a doversi munire di un contrassegno da porre sul parabrezza per entrare in Italia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2019 - 15:00
tvsvizzera.it/ri con RSI (Teche)

È vero, non sono proprio la stessa cosa. La vignetta svizzera, introdotta nel 1985, equivale a un pedaggio autostradale. È un autoadesivo che costa 40 franchi (in passato: 30) e consente di percorrere le strade nazionali elvetiche per un intero anno.

La 'tessera turistica' che si vede nel filmato, invece, dura soltanto 6 mesi. È un cartoncino (che si appone al parabrezza con l'aiuto di un taschino adesivo come quello in uso in Italia per i certificati d'assicurazione) e serve "per la temporanea importazione di autoveicolo per uso privato".

In sostanza, semplifica la vita agli automobilisti stranieri, evitando loro di sbrigare una pratica burocratica a ogni entrata su territorio italiano.

Resta il fatto di una scena simile a parti invertite: nel 1958, in coda allo sportello doganale per prendere la vignetta, c'erano gli svizzeri e non gli italiani.

Contenuto esterno

Le immagini [archiviate purtroppo senza sonoro] sono tratte un servizio del Telegiornale, trasmesso dalla Televisione svizzera il 17 ottobre del 1958.

End of insertion

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?