Navigation

Presunto 'ndranghetista a processo in Svizzera

La sede del Tribunale penale federale a Bellinzona in un'immagine d'archivio. Keystone

Si è aperto giovedì mattina al Tribunale penale federale di Bellinzona il processo contro un 60enne italiano residente nel canton Berna, presunto membro della 'ndrangheta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 agosto 2018 - 13:10
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 30.08.2018)

Il Ministero pubblico della Confederazione lo accusa di essere un intermediario delle cosche in Svizzera, imputandogli diversi reatiLink esterno tra i quali organizzazione criminale, ricettazione, infrazione alla legge federale sulle armi, sviamento della giustizia.

Legato alla "locale" di Giussano/Seregno

A fare il nome del 60enne, residente a nord delle Alpi da oltre un decennio, furono nel 2012 due boss del nord Italia, arrestati nell'ambito dell'inchiesta Ulisse coordinata dalla procuratrice di Milano Ilda Boccassini, che portò a 37 arresti.

Secondo la procura federale, l'uomo acquistava e forniva alle cosche calabresi munizioni e armi: pistole, fucili, mitragliatrici.

Droga e supporto logistico

Avrebbe anche comprato ingenti quantitativi di marijuana e cocaina e procurato alloggio in alcuni alberghi svizzeri ai membri dell'organizzazione.

Contenuto esterno

L'imputato partecipava, in Italia, alle riunioni nelle quali si celebravano i riti di affiliazione alla 'ndrangheta e si organizzavano gli affari criminali.

La sentenza sarà pronunciata in data da definire.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.