Navigation

Ticino, buona annata per le castagne

Già 250 chili consegnati ai due centri di raccolta

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2015 - 19:36

Ben 250 chilogrammi di castagne sono state consegnate ai due centri di raccolta ticinesi a Stabio e Cadenazzo. Un ottimo segno per gli addetti ai lavori visto che la raccolta, quella ufficiale, è cominciata solo lunedì.

Il responsabile, Paolo Bassetti, spera che si riusciranno a immagazzinare 20 tonnellate di frutti. Non sono sufficienti per tornare a produrre oltre alla farina, anche gnocchi, pasta di marroni o fiocchi per la colazione, ma preziose per pensare al rilancio di un progetto incominciato nel 2006 e in parte interrotto a causa della crisi del castagno.

Il responsabile di quest'ultima, il cinipide, è in difficoltà perché l'insetto a lui antagonista introdotto in Italia si è diffuso molto rapidamente, spiega Giorgio Moretti, presidente dell'Associazione dei castanicoltori della Svizzera Italiana.

RedMM/ZZ

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.