Navigation

Votazioni federali 13.6.2021: pesticidi, CO2, terrorismo e pandemia

La Quinta Svizzera ha votato a favore della legge sul CO2 e del divieto dei pesticidi

In Svizzera, il "no" all'iniziativa contro i pesticidi e alla legge sul CO2 è da ascrivere in gran parte alla forte mobilitazione della comunità agricola. Gli espatriati hanno votato di più secondo le loro convinzioni ecologiste. Keystone / Peter Klaunzer

Gli svizzeri all'estero si sono mostrati decisamente più favorevoli alle politiche verdi rispetto ai connazionali in patria. Se fosse stato per loro, la legge sul CO2 e le due iniziative anti-pesticidi avrebbero avuto un destino diverso.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2021 - 17:17

Domenica 13 giugno è stato un giorno nero per gli ambientalisti in Svizzera: la maggioranza dell'elettorato ha rifiutato per pochi voti la revisione della legge sul CO2, frutto di tre anni di dibattito parlamentare, il cui obiettivo era il rispetto degli impegni presi con l'accordo sul clima di Parigi.

Le due iniziative che chiedevano il divieto dei pesticidi sintetici sono state respinte da oltre il 60% dei votanti e da quasi tutti i Cantoni. Il sostegno è arrivato quasi esclusivamente dai grandi centri urbani.

Tuttavia, un'analisi del voto degli espatriati rivela un quadro completamente diverso. Nel caso della legge sul CO2, è stato un vero plebiscito. Nei 12 distretti svizzeri all'estero per i quali sono disponibili statistiche, la legge è stata largamente accettata con percentuali in genere superiori al 70%.

Contenuto esterno

Anche le iniziative "Per una Svizzera senza pesticidi sintetici" e "Acqua potabile pulita e cibo sano" hanno ricevuto il sostegno della maggior parte degli svizzeri all’estero in quasi tutti i distretti. Questi risultati sono abbastanza coerenti con le intenzioni di voto annunciate nel secondo sondaggio SRG condotto da gfs.bern all'inizio di giugno.

Contenuto esterno

L'argomento del portafoglio

Martina Mousson, project manager di gfs.bern, sottolinea che l'argomento dei costi è stato uno dei motivi principali che hanno indotto al rifiuto di queste proposte. Per esempio, i sostenitori del "no" alla legge sul CO2 hanno condotto una campagna pesante sull’incremento del costo del carburante, mentre gli oppositori delle iniziative anti-pesticidi hanno sostenuto che avrebbero portato a un aumento dei prezzi degli alimenti.

La politologa vede questo come un indizio importante per spiegare le notevoli differenze tra gli svizzeri all'estero e il voto interno. "L'ideologia e i valori verdi sono ampiamente condivisi, ma la gente è titubante non appena le misure si fanno concrete e diventa una questione di chi pagherà", spiega. Gli espatriati sarebbero stati più propensi a votare secondo le loro convinzioni, dunque, poiché "non sono quelli che probabilmente pagheranno le conseguenze" di tali riforme.

Aree rurali mobilitate come mai prima d'ora

Con quasi il 60%, l'affluenza complessiva per il voto del 13 giugno è stata una delle più alte registrate dal 2016.

L'analisi delle votazioni comunali di gfs.bern mostra che la maggiore affluenza è stata particolarmente evidente nelle zone rurali della Svizzera, che si sono fortemente mobilitate contro le due iniziative anti-pesticidi a seguito di una campagna straordinaria. E, secondo l'istituto, la legge sul CO2 ha pagato, di conseguenza, il prezzo dell'affluenza record nelle regioni periferiche.

Così dice questo tweet di analisi: "Più la partecipazione al voto [del 13 giugno] è superiore alla media degli ultimi 5 anni, più chiaro sarà il "no" alla legge sul CO2. ".

Questa divisione interna tra città e comunità rurali non è, o non è più, una realtà per gli svizzeri all'estero. La Quinta Svizzera ha seguito la campagna da lontano e l’affluenza non è stata più alta.

Nei distretti che hanno fornito dettagli, i voti sono stati poco più di 38’400 voti su 138’171 elettori registrati, con un tasso di affluenza del 27,8%, in linea con la media degli ultimi cinque anni (poco più del 28%).

Contenuto esterno

Un sostegno più ampio per la legge Covid

Sugli altri due quesiti, il voto degli svizzeri all'estero non avrebbe cambiato la situazione. La legge Covid-19, che è stata adottata domenica da circa il 60% dei votanti, ha ricevuto tuttavia un sostegno ancora maggiore tra gli espatriati in tutti i distretti: più del 75% di loro ha detto “sì” alla legge.

Infine, sulla controversa legge sul terrorismo la Quinta Svizzera non si è differenziata dall’insieme di cittadine e cittadini: il 60% ha votato sì, contro poco meno del 57% della popolazione generale.

Martina Mousson trova questo risultato meno sorprendente. Anche se il comportamento di voto degli espatriati è sempre difficile da valutare con certezza, la politologa sottolinea che "molti Stati hanno già adottato leggi simili". Alcuni di coloro che hanno votato, probabilmente vivono in Paesi che si sono già confrontati direttamente con il terrorismo, il che potrebbe spiegare il sostegno della diaspora a questo tema.

Un nuovo metodo per l'invio del materiale di voto

La votazione è stata anche la prima occasione per testare l'uso della posta diplomatica per inviare il materiale di voto e valutare l’affidabilità di questo metodo rispetto alla posta ordinaria. La Cancelleria federale ha condotto un test su 1'600 cittadini svizzeri residenti in Australia, Brasile e Thailandia e iscritti nelle liste elettorali dei Cantoni di Ginevra, Argovia e Ticino. "Il confronto dei due metodi di spedizione dovrebbe fornire informazioni sull'efficacia e sui costi" di questa alternativa, ha detto la Cancelleria federale. Riferiremo i risultati di questo esperimento non appena saranno disponibili.

End of insertion


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.