Navigation

Sostegno alle centrali idroelettriche in difficoltà

La strategia energetica 2050 della Svizzera, che prevede l’abbandono graduale del nucleare, non può prescindere dal settore idroelettrico. È il parere della camera alta del parlamento, che ha deciso di aiutare le centrali in difficoltà economiche.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2015 - 08:55
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 22.09.2015)

Il sostegno al settore idroelettrico è cruciale per realizzare la svolta energeticaLink esterno verso fonti di produzione pulite. Ne è convinto il Consiglio degli stati, la cui maggioranza ha deciso martedì che i grandi impianti dovrebbero essere sostenuti finanziariamente in caso di assoluta necessità se, per ragioni economiche, la loro esistenza è minacciata a lungo termine.

Tale sostegno verrebbe concesso caso per caso e solo per gli impianti che producono oltre 10MW. Gestori e proprietari verrebbero chiamati a partecipare, come anche i cantoni, i quali dovrebbero abbassare il canone per i diritti d'acqua.

La camera alta del parlamento ha poi deciso di sostenere - includendole nel sistema di rimunerazione per l'immissione di elettricità (RICLink esterno) - le piccole centrali idroelettriche con una potenza compresa tra 300 kW e i 10 MW (10'000 kW).

In Svizzera ci sono attualmente poco più di 500 centrali con una potenza superiore a 300 kW, e 179 con una potenza uguale o superiore a 10 MW.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?