Navigation

Calatrava e la sua torre a Dubai: "io come Eiffel"

Contenuto esterno


La prossima opera di Santiago Calatrava, architetto spagnolo naturalizzato svizzero, sarà la torre più alta del mondo. In corso di costruzione a Dubai, il progetto è un’enorme sfida dal punto di vista ingegneristico.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2017 - 11:50
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 08.08.2017)

“Non sarà solamente l’edificio più alto del mondo, ma sarà anche molto bello”, assicura Calatrava alla Televisione svizzero-tedesca SRFLink esterno. “Un edificio per la città di Dubai e per il mondo, quel che è stato la Torre Eiffel un secolo fa”.

Si tratta, più precisamente, di una torre d’osservazione. Surclasserà tutto quel che è già costruitoLink esterno e non solo in altezza, dice: “Il mio obiettivo è che i lavori di ingegneria necessari siano anche belli nella forma”.

Zurighese d’adozione

“Archistar”, ingegnere e artista, Santiago CalatravaLink esterno ha 65 anni e discende da una famiglia nobile spagnola. Studiò arte, pittura e architettura a Parigi, per poi formarsi al Politecnico di ZurigoLink esterno, città dove vive e lavora dagli anni Settanta. Ha nel frattempo ottenuto la naturalizzazione nel comune di Rossa, canton Grigioni.

La sua carriera di architettoLink esterno fu lanciata dalla stazione dei treni Stadelhofen, proprio a Zurigo. Seguiranno la pensilina della stazione di Lucerna e molte altre opere nel mondo intero, tra le quali il nodo ferroviario di Ground Zero, da quattro miliardi di dollari.

La stazione di Ground Zero, New York, quand'era ancora in costruzione (2015). Keystone

Il suo modello, apparentemente, resta quel “primo” progetto: “Tutto quel che so delle stazioni l’ho imparato progettando Stadelhofen. Tutte le questioni alle quali ho dovuto rispondere allora mi sono servite per progettare altre sette stazioni."

La stazione di Stadelhofen, Zurigo, in un'immagine d'archivio. Keystone

Carta, taglierino e tavolozza

Santiago Calatrava abbozza i suoi progetti a mano, spesso tagliando la carta; solo in una fase successiva usa il computer. Ogni giorno dedica tre ore all’arte; attualmente alla pittura.

Il sottopassaggio della stazione di Stadelhofen, Zurigo, in un'immagine d'archivio. Keystone

Intanto, le fondamenta della torre di Dubai sono in costruzione, con i lavori coordinati dal figlio Michael. Formato negli Stati Uniti, il giovane ingegnere civile dirige l’ufficio di Dubai con “DNA puramente svizzero”, puntualizza, “salvo poi che siamo un’azienda internazionale rappresentata un po’ ovunque nel mondo”.

La consegna della torre più alta del mondo è prevista per il 2020.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.