Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Skyline Milano #2 Montanari e il fascino borghese di Milano

Per lo scrittore Raul Montanari, Milano è croce e delizia. È la sua città da quando vi si trasferì a tre anni con la famiglia ed è fonte di ispirazione, laboratorio sociale e scenario dei suoi romanzi. Come tutte le città amate e intensamente vissute è centro dei suoi affetti e dei suoi ricordi, ma anche vittima delle sue critiche. «Spesso – confessa – quando mi chiedono di Milano non riesco a non dire sempre alla fine qualcosa di negativo». 

Negli ultimi anni, la metropoli italiana è profondamente cambiata. Milano, che con la Svizzera ha dei rapporti strettissimi, si è trasformata non solo dal punto di vista urbanistico, ma anche dal profilo sociologico ed economico.

In questa serie vi proponiamo cinque interviste con altrettante personalità che Milano ce l'hanno nel cuore. Dallo scrittore all'economista, dalla politica al deejay, ci raccontano come hanno vissuto questa trasformazione.

Fine della finestrella

Quattordici romanzi all'attivo per i maggiori editori italiani centinaia tra racconti, traduzioni, saggi e articoli. Montanari è un autore prolifico e intenso che, caso raro per uno scrittore, nel 2012 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, la massima onorificenza civica di Milano. «Le due grandi eccellenze milanesi – spiega lo scrittore – sono sempre state da una parte “il fare”, i successi nell’imprenditoria, nell’industria, nel terziario avanzato e dall’altra sicuramente l’impegno nel sociale, una cosa che ci rende sicuramente Milano simpatica e che fa perdonare alcuni aspetti glaciali, algidi nel suo modo di presentarsi.

Infatti difetta in maniera evidente di qualcosa che con un termine un po’ abusato, ma valido possiamo definire il calore, cioè il senso di una vicinanza fisica ed emotiva forte con chi è il tuo prossimo». «Si dibatte spesso – prosegue – sulla bellezza di Milano. C’è stato negli ultimi anni un vero e proprio scatto in avanti con la costruzione di grattacieli che hanno cambiato lo skyline della città e rappresentano il cambiamento più evidente della città e hanno reso Milano sicuramente più appetibile agli occhi di chi viene da fuori. 

Bellezza riservata

Milano ha una tradizione di bellezza molto riservata. È sempre stata una città borghese e la borghesia tradizionalmente tende a nasconde la ricchezza, per motivi banalmente fiscali, ma soprattutto per motivi culturali. La borghesia la bellezza la mostra nei cortili. E così i famosi cortili di Milano spesso sono molto più belli e sorprendenti delle facciate dei palazzi che li nascondono. È una città dalla bellezza in parte nascosta». «E questo – dice Montanari - per me non è un difetto, ma un elemento di fascino». 

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box