Navigation

Si aggrava la situazione pandemica in Russia

Contenuto esterno

La Russia sta vivendo la peggiore crisi sanitaria dall'inizio della pandemia: nelle ultime 24 ore sono morte 1'159 persone e ne sono state contagiate più di 40’000, mentre solo il 30% della popolazione risulta essere vaccinato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2021 - 14:15
tvsvizzera.it/mrj

A Mosca si ricomincia con i lockdown: sono ormai chiuse tutte le attività commerciali non essenziali. Tra due giorni le limitazioni si estenderanno a tutto il Paese e si protrarranno fino al 7 novembre.

“È importante accelerare il ritmo delle vaccinazioni, altrimenti non saremo in grado di controllare la diffusione delle infezioni”, ha dichiarato il premier russo Mikhail Mishustin.

Un aumento delle vaccinazioni è stato osservato negli ultimi giorni, poiché oltre ai nuovi confinamenti, è stato introdotto anche il Covid Pass.

Negli ospedali, intanto, si torna alla situazione vissuta nei primi mesi della pandemia: i reparti sono pieni di pazienti Covid-19 e vicini al collasso. Ad occupare i letti ormai non sono più prevalentemente gli anziani o coloro che hanno malattie pregresse: l'età media dei pazienti, racconta un medico, è di 44-45 anni. “Arrivano in condizioni gravi e fanno fatica a respirare”.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.