Vendemmia 2020 L'uva è quasi matura, ma manca manodopera

Nella Svizzera italiana, la vendemmia 2020 si terrà da fine agosto: l'uva è maturata in anticipo sulla consuetudine e persino sulla manodopera, la cui ricerca è ancora nel vivo. Se i piccoli viticoltori faranno capo soprattutto ad amici e conoscenti, le aziende più grandi devono ricorrere anche a personale stipendiato. Non sempre è facile trovarlo.

Per i grappoli in sé, che l'uva sia già quasi matura non dovrebbe rappresentare un problema. Ma per avere un sufficiente numero di vendemmiatori, il tempo comincia a stringere: l'appello circola anche sui social network.

Si calcola che in Ticino, da fine agosto, si alterneranno tra i filari fino a 40'000 persone. Le squadre di professionisti dall'Italia sono piuttosto richieste, benché l'Interprofessione della vite e del vino ticinese (associazione di categoria della filiera vitivinicola) si curi di segnalare i residenti interessati: a dettare la scelta è anche l'esperienza.

Per assumere semi- e professionisti, serve tempo a prescindere da che si ricorra a personale indigeno o straniero: la burocrazia non manca. Si parte in ogni caso da una buona notizia, considerato il periodo di restrizioni imposte dal coronavirus, ovvero il regolare svolgimento della vendemmia.


Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.


Parole chiave