Navigation

Russi - Collombin, il duello infinito

Lo sport non è fatto solo di risultati, ma di persone e personalità, e anche queste dividono il pubblico. Nel ciclismo italiano, è impossibile non pensare  alla rivalità tra Coppi e Bartali. Nello sci svizzero degli anni '70, si pensa invece a quella tra Russi e Collombin. Riscopriamola nella trasmissione della Radiotelevisione svizzera Falò.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2018 - 09:00
Pierre Morath (RTS), Falò, tvsvizzera.it/Zz con RTS e RSI (Falò del 15.02.2018)
Contenuto esterno


Elegante e garbato il primo, sfrontato ed istintivo il secondo; Bernard Russi e Roland Collombin in pista erano molto diversi e tali sono rimasti anche nella vita.Il pacato urano ha saputo sfruttare al meglio la notorietà diventando un volto perfetto per la pubblicità, una sorta di Federer ante litteram. 

L’estroso vallesano è rimasto ribelle, insofferente alle regole e alla disciplina. Non ha fatto i soldi, anche perché non gli interessava. Le loro sfide hanno entusiasmato la Svizzera, le loro scelte, nello sport e nella vita, continuano a dividere. Perché in fondo sono due facce, vere e profonde, della Svizzera. 

Due volti che la trasmissione della Radiotelevisione svizzera Falò ci porta a riscoprire attraverso episodi sconosciuti del passato e gustosi momenti del presente.

Bernhard Russi (Nr.2) e Roland Collombin (Nr.1) durante la Coppa del mondo di sci a St. Moritz. 9 febbraio 1974. Keystone


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.