Dietro le quinte del Salone Alta orologeria, un affare per assicuratori

Visitatori ammirano orologi esposti all interno di due teche; alle loro spalle immagini delle Alpi

Ogni tanto, racconta Anne-Claire Bisch-Saffiotti, qualche orologio sparisce pure...

© KEYSTONE / SALVATORE DI NOLFI

Il Salone internazionale dell'alta orologeria di Ginevra (SIHH) è una grande opportunità di lavoro anche per i cosiddetti broker, mediatrici e mediatori fra i proprietari di orologi di lusso e le compagnie assicurative. La Radiotelevisione svizzera ne ha incontrata una.

Anne-Claire Bisch-Saffiotti è tra i personaggi più importanti, dietro le quinte del SaloneLink esterno, dove tra chi indossa, chi trasporta e chi espone, sono moltissimi i gioielli da assicurare.

Da sola, questa signora gestisce un quinto dei contratti, per una somma globale che può raggiungere il miliardo di franchi.

Bisch-Saffiotti spiega come il lavoro cominci ben prima dell'evento e come sia necessario prestare attenzione proprio a tutto. Anche al contatto coi giornalisti.

E rivela che sì: ogni tanto, qualche orologio scompare.

Parole chiave