Navigation

Troppo facile fallire!

Lo schema è ripetibile: mentre una ditta sta per fallire, se ne crea un'altra che ne possa incamerarne i beni, lasciando alla precedente soltanto debiti. RSI-SWI

Un tempo, essere il titolare di una ditta che falliva era considerato una vergogna. Da qualche anno, le cose sembrano cambiate: il fallimento è addirittura una possibile fonte di guadagno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2018 - 14:00
Roberto Von Flüe, Falò

Lo schema è piuttosto semplice: quando si capisce che un’azienda sta per andare gambe all’aria, se ne crea una seconda che possa incamerare i beni della prima; poi si dichiara fallimento ma intanto le casse sono vuote e così i creditori restano a bocca asciutta.

La dimostrazione di quel che è successo spesso è chiara: la nuova azienda si trova sullo stesso terreno di quella vecchia e impiega gli stessi operai. 

Ma è possibile che non si possa combattere questo fenomeno? Quali sono i mezzi a disposizione?

Contenuto esterno


L'inchiesta di Roberto Von Flüe è stata trasmessa il 14 giugno 2018 da FalòLink esterno, settimanale d'approfondimento della Radiotelevisione svizzera RSI.

Ospite in studio per commentare, il consigliere di Stato -direttore del Dipartimento delle Istituzioni del Canton Ticino- Norman Gobbi.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.