Navigation

Verso una moratoria definitiva per l’apertura di nuovi studi medici

La Camera bassa del parlamento svizzero ha approvato lunedì, con 128 voti favorevoli e 55 contrari, una proposta del governo che rende definitiva la moratoria concernente l’apertura di nuovi studi medici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 settembre 2015 - 07:54
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 7.9.15)

La misura, che deve ancora essere avallata dal Consiglio degli Stati, è stata in vigore tra il 2002 e la fine del 2011, è poi stata reintrodotta nel 2013 ed è attualmente limitata al 30 giugno 2016. Diciotto cantoni la applicano.

Per la maggioranza del Consiglio nazionale, la moratoria è l’unico modo per contenere l’aumento dei costi della sanità.

Il Consiglio federale potrebbe dunque continuare a utilizzare questo meccanismo, in particolare per far fronte all'afflusso di medici stranieri. Nel 2012, al termine della moratoria, il numero di nuovi praticanti era esploso, in particolare in Ticino.

La moratoria colpirà sia i medici indipendenti che quelli salariati, così come quelli che lavorano nel settore ambulatoriale ospedaliero e in istituti di cura. I praticanti che hanno lavorato per almeno tre anni in un istituto svizzero di formazione riconosciuto ne saranno esentati. La Confederazione fisserà i criteri dell'esenzione.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?