Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Tutti i vaccini (quasi) gratuiti dal 2017

Esentandoli dalla franchigia, l'Ufficio federale della sanità pubblica vuole aumentare il tasso d'immunizzazione tra gli adulti

Dal 2017, i vaccini rimborsati dall'assicurazione malattia di base dovrebbero essere esentati dalla franchigia*. Con questa strategia, l'Ufficio federale della sanità pubblica vuole aumentare il tasso di vaccinazione tra gli adulti.

La misura -che prevede per l'assicurato la sola partecipazione ai costi, del 10%- coprirebbe anche i richiami e i nuovi vaccini, ad esempio contro l'influenza o in vista di un viaggio all'estero.

Perplessi gli assicuratori malattia: pur favorevoli al progetto, chiedono al Consiglio federale di precisare le modalità di finanziamento.

Tetano, epatite, papilloma virus, sono solo alcuni dei vaccini o dei richiami che potrebbero presto essere gratuiti per gli adulti già a partire dal 2017, secondo le intenzioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica.

È questo l'esito della nuova strategia nazionale di vaccinazione. Per aumentare il tasso di adulti vaccinati, la Confederazione prevede di abolire la franchigia, in pratica si pagherebbe solo la quota parte del 10%.

Un'operazione difficile da stimare da un punto di vista dei costi; ecco perché l'associazione degli assicuratori malattia Santésuisse appoggia l'idea ma critica l'opacità relativa all'esborso che vaccinare tutta la popolazione comporterebbe.

L'Ufficio federale della sanità pubblica ammette che stimare i costi della campagna non è ancora possibile. Oltre ai costi, andrebbero calcolati anche i risparmi nelle cure, dal momento che il principio sarebbe più vaccinati uguale meno malati.

Il Governo dovrebbe decidere sull'applicazione del progetto entro la fine dell'anno.

*Il modello svizzero di assicurazione sanitaria prevede che una somma tra i 300 e i 2500 franchi all'anno -a seconda della polizza scelta- sia a carico dell'assicurato. Superata questa franchigia, rimane la cosiddetta 'partecipazione ai costi' del 10%. Con la misura dell'UFSP, chi vorrà vaccinarsi pagherà soltanto quel 10%, a prescindere da che abbia raggiunto o no la franchigia.

×