Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Svizzeritudini EXTRA - Bretella flanella

La Svizzera condensata in 15 parole

Bretella

Cosa sono le bretelle lo sanno tutti. Ma forse tutti non sanno che le bretelle, in varie forme e varianti, esistono da circa 300 anni.

I modelli attuali invece sono stati inventati nella metà dell'Ottocento da un certo Albert Thurston.
La popolarità delle bretelle scemò durante la prima guerra mondiale, anche per via del fatto che gli uomini si abituarono a dover usare la divisa con la cintura, e le bretelle rimasero confinate ad essere una specie di biancheria intima indossata al di sotto della giacca o addirittura della camicia (e comunque non mostrabile in pubblico).linkLink esterno

Il ritorno in voga delle bretelle fu negli anni quaranta, anche se non sostituirono mai del tutto la popolarità della cintura.

Flanella

La flanella è un tessuto leggero, morbido e caldo.

Viene spesso utilizzato per confezionare abbigliamenti maschili, soprattutto camicie, giacche e pantaloni e può essere di tinta unita o scozzese.

Le camicie di flanella hanno rappresentato (e rappresentano tutt'oggi) il vestiario di vari movimenti e influenze musicali che iniziarono a partire dagli anni '80 ma che esplosero solo nel decennio successivo. Un classico esempio può essere Kurt Cobain, cantante dei Nirvana e icona degli anni '90, che indossava parecchie camicie di questo tessuto e che ha influenzato così milioni di ragazzi.

C'è anche il "famoso" pigiama di flanella. Ne avete uno anche voi?
E sapevate anche che la coperta di Linus (quella che si trascinava ovunque) era di flanella?

Poi c'è pure l'espressione "far flanella" che viene usata per parlare di qualcuno che fa passare il tempo oziosamente, non combinando nulla. L'espressione trae origine al tempo delle case chiuse. Era il rimprovero della tenutaria, o maîtresse, verso il cliente che sostava lungo tempo nell'atrio senza consumare. Il termine flanella però, in questo caso, non viene usato in riferimento al tessuto bensì è derivabile dal verbo francese flâner che vuol dire, appunto, bighellonare, perdere tempo.

Flanella si usa anche per indicare il nome di un indumento intimo maschile (maglietta della salute) di flanella, lana o cotone, di colore bianco o panna.

Insomma con questa flanella ci si faceva (e fa) un sacco di cose.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×