Navigation

Sui droni la Svizzera adotta le regole dell'UE

La legislazione adottata prevede il riconoscimento reciproco dei certificati nell'UE e in Svizzera. Keystone / Gian Ehrenzeller

Dal primo gennaio 2023 in Svizzera entreranno in vigore nel nuove norme sui droni che regolamentano lo standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l'esercizio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2022 - 09:00
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

La Svizzera ha infine deciso di adottare la regolamentazione dell'Unione europea in materia di droni. Lo ha reso noto venerdì l'Ufficio federale dell'aviazione civile, precisando che le operazioni con i droni saranno distinte in tre categorie in base al livello di rischio: "aperta", "specifica" o "certificata".

Qualsiasi telepilota che desidera impiegare un mezzo della categoria "aperta" dovrà disporre di un certificato conseguito dopo una formazione e un esame.

Contenuto esterno

Si applicano inoltre nuove altezze massime di volo, limiti di peso e restrizioni geografiche. In risposta alle preoccupazioni della popolazione, sono state introdotte prescrizioni in materia di protezione ambientale, di protezione della sfera privata e di sicurezza.

La Svizzera applicherà inoltre il regolamento UE sullo U-space. Sarà quindi possibile implementare una serie di funzioni e di processi digitali automatizzati in uno spazio aereo definito. La legislazione adottata prevede il riconoscimento reciproco dei certificati nell'UE e in Svizzera.
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?