Navigation

Sommaruga insiste: "sui profughi mancano regole chiare"

Simonetta Sommaruga al suo arrivo a Bruxelles keystone

La presidente della Confederazione ha incontrato a Bruxelles i ministri degli interni dei paesi dell'Unione europea

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 novembre 2015 - 11:07

"Sono necessarie delle misure chiare sulla ripartizione dei rifugiati, che possano funzionare a lungo termine". Si è espressa così Simonetta Sommaruga durante l'incontro di lunedì a Bruxelles, incentrato sulla crisi migratoria. La presidente della Confederazione, confrontatasi con i ministri degli interni dei paesi membri dell'Unione europea, ha dichiarato che è tempo di passare alla fase di attuazione delle misure decise fino ad ora.

La consigliera federale ha fatto notare che i centri di accoglienza non funzionano ancora come dovrebbero, spesso a causa di una mancanza di personale. "Siamo semplicemente troppo lenti nel fronteggiare il numero sempre più elevato di migranti che giungono nei nostri paesi", le ha fatto eco il ministro tedesco,Thomas Maizière.

Un'altra domanda rimasta ancora inevasa, secondo la ministra elvetica, riguarda i provvedimenti da prendere nel caso in cui i richiedenti l'asilo non collaborino al momento dell'identificazione e della loro registrazione.

RSI/NEWSLink esterno/ATS/CaL

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.