Navigation

Rifugiati, la barca è (quasi) piena

I centri di registrazione cantonali si riempiono rapidamente. Per questo motivo si chiede a Berna di accelerare le procedure d'asilo e aumentare le guardie di confine

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2016 - 19:25

Un giro di vite nel settore dell'asilo e più guardie di confine. Sono le richieste contenute in una lettera che la Conferenza dei direttori dei Dipartimenti cantonali di giustizia e polizia della Svizzera orientale ha scritto alla consigliera federale Simonetta Sommaruga.

"Chiediamo che Berna crei i presupposti per poter rimpatriare i migranti che non hanno diritto all'asilo. Insomma che si firmino degli accordi di riammissione con nuovi paesi, in particolare con gli Stati nordafricani".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.