Politica cantonale Ginevra, il ministro cantonale Maudet dà le dimissioni

Maudet

Il rapporto intermedio che ha spinto i colleghi dell'esecutivo togliergli il controllo del Dipartimento è stato "il pretesto per un esecuzione politica maldestra", ha detto Maudet.

Keystone / Jean-christophe Bott

Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet, ha annunciato giovedì le proprie dimissioni dal governo cantonale. Il giorno prima era stato sollevato dalla direzione del Dipartimento dello sviluppo economico a causa di un rapporto esterno intermedio che lo mette in discussione per problemi organizzativi, manageriali e relazionali.

"Sono scomodo e mi vogliono mettere da parte", ha dichiarato Maudet che ha indicato di non volersi lanciare in una battagli giudiziaria contro la decisione sulla sospensione. Non sta a un tribunale decidere ma al popolo, ha affermato, annunciando di volersi candidare alla sua stessa successione. 

Il rapporto intermedio che ha spinto i suoi colleghi dell'esecutivo a toglierli il controllo del Dipartimento è stato "il pretesto per un esecuzione politica maldestra", nonché "l'ultima di una serie di umiliazioni" di cui ritiene essere stato vittima.

Il servizio del TG:

Assenteismo

L'allontanamento di Maudet in seguito al rapporto è una misura "presa in considerazione della gravità dei fatti constatati rilevati dall'esperto esterno. L'esecutivo, che è il datore di lavoro, ha il dovere di proteggere la salute di tutti i dipendenti", ha dichiarato in una conferenza stampa la presidente dell'esecutivo cantonale Anne Emery-Torracinta (Partito Socialista). Il Dipartimento dello sviluppo economico è passato provvisoriamente alla consigliera di Stato Nathalie Fontanet (PLR), responsabile del Dipartimento delle finanze.

La perizia è stata avviata a causa del costante e significativo aumento del tasso di assenze all'interno della direzione generale dello sviluppo economico, come ha rivelato la radiotelevisione romanda RTS. Tale percentuale è aumentata del 13% tra maggio 2019 e aprile 2020, attivando l'attuazione del processo di perizia da parte dell'Ufficio del personale dello Stato.

"Sono esigente", si è difeso l'ormai ex ministro, ammettendo che i suoi ordini possano aver messo i collaboratori sotto pressione, una situazione resa ancora più difficile dalla crisi sanitaria. "Questa intensità di lavoro l'ho voluta e ho chiesto agilità", ha detto. Dei funzionari sono "usciti dalla loro zona di confort", ha aggiunto.

 Pierre Maudet aveva già visto il suo Dipartimento ridursi dal 2018, a causa dei guai con la giustizia sorti dopo un viaggio ad Abu Dhabi, completamente spesato, considerato un'"accettazione di vantaggi". 

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 29.10.2020)

Parole chiave