La televisione svizzera per l’Italia

“No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido

bambina si lava le mani all'asilo
Un'iniziativa "troppo costosa" secondo l'Esecutivo. Keystone / Gaetan Bally

Il Governo ha respinto un’iniziativa lanciata lo scorso anno dal Partito socialista “Per una custodia di bambini complementare alla famiglia che sia di qualità e a prezzi abbordabili per tutti”.

Troppo costosa e poco rispettosa del federalismo: con queste motivazioni il Consiglio federale ha respinto, durante la sua seduta di venerdì, l’iniziativa popolare sugli asili nido, lanciata l’anno scorso dal Partito socialista (PS), che mira a garantire un’assistenza extrafamiliare di qualità e accessibile per tutti. Dopo essersi dichiarato contrario al testo, il Governo ha trasmesso al Parlamento il relativo messaggio con la propria decisione in merito.

I promotori dell’iniziativa sugli asili nido sono dell’idea che bisogna garantire a ogni bambino – dai tre mesi di età e per tutta la durata l’istruzione scolastica di base – il diritto all’assistenza extrafamiliare. Il testo prevede inoltre di limitare la spesa a carico dei genitori in questo ambito, limitando la partecipazione delle famiglie a un massimo del 10% del loro reddito. Lo scopo dell’iniziativa è quello di sancire questi princìpi nella Costituzione.

Altri sviluppi
donna e bambino si disinfettano le mani

Altri sviluppi

La crisi degli asili nido

Questo contenuto è stato pubblicato al Gli asili nido si sono rivelati fondamentali in questo periodo di pandemia. Tuttavia queste strutture sono in crisi.

Di più La crisi degli asili nido

Secondo il Consiglio federale, però, se attuata, l’iniziativa del PS sarebbe troppo costosa. Un “sì” alle urne comporterebbe annualmente spese supplementari nell’ordine di miliardi a carico della Confederazione. Alla luce della difficile situazione finanziaria, il Governo ritiene che tali spese non siano sostenibili. Secondo l’Esecutivo il testo è inoltre incompatibile con l’attuale ripartizione dei compiti tra Confederazione, Cantoni e Comuni.

Aiuti da 20 anni

Il Consiglio federale concorda però con i promotori sul fatto che la custodia extrafamigliare di bambini debba continuare a essere promossa e che gli enti pubblici debbano ridurre ulteriormente i costi a carico dei genitori. Da 20 anni, ha spiegato il Consiglio federale, la Confederazione accorda aiuti finanziari per la creazione di posti per la custodia di bambini mediante un programma d’incentivazione di durata limitata.

Inoltre, dal 2018 può sostenere finanziariamente i Cantoni e i Comuni che aumentano i sussidi per ridurre i costi per la custodia di bambini a carico dei genitori. Negli ultimi due decenni, ha ricordato il Governo, con i suoi aiuti finanziari la Confederazione ha contribuito alla creazione di oltre 76’000 nuovi posti di custodia e sostenuto 17 Cantoni che, aumentando i propri sussidi, hanno ridotto i costi di custodia a carico dei genitori.

Il Parlamento sta invece attualmente dibattendo l’iniziativa parlamentare “Sostituire il finanziamento iniziale con una soluzione moderna”, che chiede di rendere permanenti le misure di sostegno della Confederazione. In discussione vi è tra l’altro un modello alternativo che prevede una sorta di ulteriore assegno familiare per sgravare i genitori che per i propri figli ricorrono alla custodia istituzionale complementare alla famiglia (come per esempio una struttura di custodia collettiva diurna, ossia le cosiddette “mamme diurne”).

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR