Navigation

Un programma di test rapidi per i frontalieri?

Immagine d'archivio. ©ti-press

L'evoluzione della pandemia di Covid-19 in Italia preoccupa il Ticino. Per il momento, concentrare i vaccini nelle zone di frontiera come suggerito dal primario dell'ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, non è un'opzione. È tuttavia aperta una linea di comunicazione con la Lombardia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2021 - 22:00
RSI News

Giovedì il presidente del Consiglio di Stato (governo cantonale) ticinese  Norman Gobbi ha sentito gli omologhi della Giunta regionale lombarda. Il Cantone è inoltre pronto a fare nuovamente pressione sulla Confederazione per aumentare i controlli alla frontiera, pensando anche a una propria strategia per evitare che il flusso di frontalieri diventi un canale di contagio. L'esecutivo discuterà la settimana prossima con la cellula sanitaria cantonale dell'ipotesi di un programma di test rapidi a tappeto per i frontalieri.

"Ciò che avviene nell'area padana e soprattutto lombarda ci preoccupa perché la permeabilità del confine è elevata", spiega Gobbi alla RSI. "Lo abbiamo visto bene durante la prima ondata di un anno fa, quando evidentemente il virus è arrivato da sud", aggiunge. "E d'altra parte i contatti avuti questa mattina con i colleghi della Giunta regionale lombarda ci segnalano che passeranno ad un arancione rafforzato se non ad una zona rossa per tutta la Lombardia".

Contenuto esterno

Dal Quotidiano, l'intervista integrale a Norman Gobbi.

"L'andamento non è per nulla incoraggiante", afferma dal canto suo il medico cantonale ticinese, Giorgio Merlani. "Lo seguiamo con attenzione sapendo che l'evoluzione loro rischia di anticipare la nostra".

A Como, l'incidenza su due settimane è di 282 contagi ogni 100'000 abitanti, a Varese 213, in Ticino 178. "Le misure messe in atto sono state utili [...] ma non riusciremo a vaccinare un numero sufficiente di persone per evitare nuovi casi prima dell'arrivo della bella stagione [...]. Un aumento è probabile", stima Merlani, secondo il quale i segnali "sono stati colti eccome", ma mettere in atto una reazione in grado di contenere il contagio "è un altro paio di maniche". Secondo il medico, bisogna approfittare di qualche giorno di "vantaggio" per pensare a misure sensate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.