Navigation

La seconda ondata non tocca (per ora) l'occupazione

© Keystone / Gaetan Bally

La seconda ondata di coronavirus non ha finora avuto un impatto molto forte sul mercato del lavoro elvetico. Secondo la Segreteria di Stato dell'economia (Seco), all'orizzonte non vi sono ancora segni di uno tsunami di licenziamenti. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 novembre 2020 - 15:16

"Naturalmente possiamo prevedere che i prossimi mesi potrebbero essere molto impegnativi, non da ultimo a causa delle misure imposte nei cantoni", ha detto Boris Zürcher, capo della Direzione del lavoro presso la Seco, commentando i dati sulla disoccupazione pubblicati in mattinata. "Ci saranno licenziamenti, ma non un'ondata", ha aggiunto.

I numeri della disoccupazione

Alla fine di ottobre erano 149'118 le persone iscritte presso gli uffici regionali di collocamento. Il numero dei senza lavoro a fine ottobre è aumentato di 558 unità, con un tasso che si è attestato al 3,2%, immutato rispetto a settembre. Su base annua l'incremento è stato di 1,0 punti. L'apice dell'anno è stato osservato in maggio, con il 3,4%. In Ticino nel decimo mese dell'anno il tasso si è attestato al 3,3%. I cantoni romandi rimangono i più colpiti dalla disoccupazione. Con un tasso del 5,2% il primato negativo spetta a Ginevra e Giura.

End of insertion

Zürcher basa in particolare la sua previsione sulle informazioni fornite dai vari Cantoni in merito ai licenziamenti di massa. Secondo l'esperto, essi attualmente non supererebbero i livelli abituali. Ha tuttavia ammesso che il tasso di disoccupazione potrebbe aumentare nel mese in corso e i quelli successivi a causa della consueta stagionalità. La disoccupazione tende ad aumentare in inverno poiché, ad esempio, c'è meno lavoro nel settore edilizio.

Lavoro ridotto

La disoccupazione, tuttavia, è anche frenata dall'opportunità data alle aziende di ricorrere al lavoro ridotto. In questo ambito è ben visibile la seconda ondata di coronavirus, ha spiegato Zürcher, precisando che recentemente si è assistito a un incremento del numero di richieste di lavoro a tempo ridotto, dopo essere diminuito negli scorsi mesi.

Più in dettaglio, il lavoro a orario ridotto in questi primi giorni di novembre è stato approvato per 487'500 dipendenti, ovvero circa il 9,4% del totale, ha dichiarato Zürcher. Nel mese di ottobre questa opportunità era stata concessa per 459'812 dipendenti, ovvero l'8,9% del totale.

Queste cifre, ha sottolineato Zürcher, sono ancora molto lontane da quelle registrate lo scorso aprile. In quell'occasione la quota si attestava al 37% di tutti i dipendenti. Secondo il funzionario della SECO, l'attuale aumento è da ricondurre principalmente al settore della ristorazione e dell'industria alberghiera.

Sul tema, il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/fra con RSI

Contenuto esterno


 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.