La televisione svizzera per l’Italia

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso. keystone

Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

I membri della potente famiglia indiana Hinduja sono stati assolti venerdì dall’accusa di traffico di esseri umani dal Tribunale correzionale di Ginevra, che li ha tuttavia condannati a pesanti pene detentive per aver sfruttato il personale indiano della loro residenza in Svizzera.

Il padre, Prakash Hinduja (78 anni), e la moglie Kamal (75 anni) sono stati condannati a 4 anni e 6 mesi di carcere, mentre il figlio Ajay (56 anni) e la nuora Namrata (50 anni) hanno ricevuto pene di 4 anni. La lettura del verdetto da parte del presidente del tribunale è avvenuta in assenza dei quattro imputati.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

I dipendenti adibiti a lavori domestici nella loro villa di Cologny (Ginevra), erano tutti stati assunti in India e provenivano da ceti particolarmente disagiati. Per anni, come ha potuto accertare la corte, sono stati sottoposti a trattamenti degradanti e umilianti.

Salari inferiori dell’80-90% al dovuto

I quattro imputati stati riconosciuti colpevoli, in particolare, di “usura di mestiere” per aver sfruttato la debolezza dei loro dipendenti, che venivano retribuiti tra i 220 franchi (230 euro) e i 400 franchi al mese, molto meno di quanto un lavoratore domestico viene pagato in Svizzera.

Secondo la corte i salari versati, inferiori dell’80-90% al dovuto, sono all’origine della condanna per “usura”. Una situazione resa possibile dalla scarsa istruzione e dall’ingenuità dei dipendenti, inconsapevoli dei loro diritti, di cui ha approfittato la ricchissima famiglia indiana.

Dopo il verdetto il procuratore Yves Bertossa ha chiesto l’arresto degli imputati che però erano assenti in aula. A questo proposito la difesa ha sostenuto che non c’era rischio di fuga, in quanto Kamal Hinduja si trovava in ospedale a Monaco con una prognosi grave. E di conseguenza il figlio e la nuora sono andati a raggiungere il marito al capezzale della signora Hinduja. 

Nonostante un accordo extragiudiziale segreto raggiunto durante il processo con i tre dipendenti che hanno fatto causa alla famiglia Hinduja, il Tribunale di Ginevra non ha voluto archiviare il procedimento nei confronti dei quattro imputati, che possiedono tutti la cittadinanza elvetica.

Spendevano di più per il cane

Nella sua arringa finale, il procuratore pubblico Yves Bertossa ha accusato gli imputati di aver “fatto tutto questo per risparmiare”. “In questa famiglia – ha precisato – si spende di più per il cane che per il personale domestico”.

La difesa, invece, che ha espresso sorpresa per le parole del procuratore, ha già annunciato il ricorso contro il verdetto.

Il loro legale ha sottolineato le presunte lacune della tesi accusatoria, in particolare la mancata menzione dei compensi in natura che venivano corrisposti in aggiunta agli stipendi in denaro. Secondo la difesa, i tre querelanti non erano segregati e potevano liberamente lasciare la villa.

Gli Hinduja sono considerati la famiglia più ricca del Regno Unito, con un patrimonio che secondo il Sunday Times si aggira attorno ai 37 miliardi di sterline (48 miliardi di euro). Forbes stima la loro fortuna invece a 20 miliardi di dollari. Il loro gruppo, presente in 38 Paesi, è attivo, tra le altre cose, nei settori bancario, finanziario dei trasporti, dell’energia, dei media e della sanità e impiega circa 200’000 persone.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR