Navigation

Immigrazione di massa, niente referendum

Nonostante l'applicazione dell'iniziativa non piaccia all'UDC, il partito di destra ha deciso di non fare ricorso

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 dicembre 2016 - 12:42

In questi giorni il Parlamento sta affrontando la questione dell'attuazione dell'iniziativa UDC contro l'immigrazione di massa. Ieri il Consiglio degli stati ha deciso di allinearsi al Consiglio nazionale rinunciando all'introduzione dell'obbligo per i datori di lavoro di giustificarsi nel caso non dovessero assumere un disoccupato segnalato dall'ufficio regionale di collocamento.

Nonostante l'UDC non sia per niente contenta della soluzione discussa, ha scelto di rinunciare definitivamente a lanciare un referendum. Ecco un breve estratto delle dichiarazioni del presidente del partito, Albert Rösti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.