Navigation

Armi, la nuova legge sarebbe troppo restrittiva

Vietando ai privati cittadini di possedere armi da fuoco, la direttiva Ue sulle armi condurrà a un disarmo progressivo in Svizzera. È quanto sostiene il comitato referendario che si oppone alla revisione parziale della legge in votazione il prossimo 19 maggio. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2019 - 19:44
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Gli oppositori se la sono presa anche con la consigliera federale Karin Keller-Sutter rea, a loro avviso, di diffondere menzogne per rassicurare la popolazione.

Il comitato denominato "No al diktat dell'UE che ci disarma" ha presentato lunedì a Berna gli argomenti contrari alla modifica della legge sulle armi. Essa si prefigge di limitare la diffusione di quelle semiautomatiche, come richiesto dalla Direttiva dell'Unione europea, in seguito agli attentati terroristici di Parigi.

Secondo il comitato oltre l'80% delle armi utilizzate da chi pratica il tiro sportivo saranno immediatamente vietate se la revisione fosse approvata in votazione, ha spiegato in una conferenza stampa a Berna Olivia de Weck, vicepresidente di ProTell, associazione che rappresenta gli interessi di cacciatori, tiratori e collezionisti di armi.

A suo avviso, le armi normalmente in commercio verranno proibite, malgrado tutte le promesse di autorizzazioni eccezionali. Secondo Olivia de Weck, il diritto di detenere armi è di importanza fondamentale per garantire la libertà individuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.