Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Costo della vita Vivere in città è più caro

Uno studio dimostra che il reddito disponibile in Svizzera è più alto fuori dai centri urbani

Ginevra e Basilea Città sono risultati i Cantoni più cari. Uri e Glarona i più a buon mercato. Questa è la classifica parziale per quanto riguarda il reddito disponibile dei cittadini, secondo uno studio pubblicato questa mattina dal Credit Suisse. La ricerca conferma una realtà ormai consolidata: chi vive al di fuori dai grandi centri urbani ha più denaro a disposizione per vivere, rispetto a chi abita in città.

E' la terza volta in dieci anni che Credit Suisse svolge uno studio sul reddito disponibile per il consumo privato, ossia quanto rimane a disposizione ogni mese alle economie domestiche dopo che alle fonti di entrata vengono sottratte le spese fisse e obbligatorie come affitto, premi di cassa malattia o tasse.

Un indice che quindi misura l'attrattività finanziaria dei cantoni e di circa 2mila trecento comuni. La classifica è guidata da Uri, Glarona e Obvaldo, cantoni convenienti soprattutto per i bassi livelli di affitti e premi di cassa malattia, oltre che per un carico fiscale favorevole.

In coda ci sono Ginevra (la più cara in assoluto), Basilea Città e Vaud. I Grigioni sono al decimo posto, il Ticino al 17esimo. Dallo studio emerge chiaramente che vivere in città non conviene: ad esempio una coppia di Lugano con un reddito disponibile di 85mila duecento franchi potrebbe beneficiare di 4mila franchi in più se traslocasse a Caslano. La vita non è comunque cara solo nelle città, ma anche nelle località turistiche esclusive come Sankt Moritz, Gstaad o Zermatt.

Anche il tipo di famiglia ha il suo peso: tra i cantoni ci sono infatti grandi differenze per quanto riguarda assegni famigliari o gli aiuti statali per chi affida i figli agli asili nido.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×