Navigation

Carne sotto accusa: ne mangiamo troppa

Keystone / Thomas Kienzle

La carne è sotto accusa. Tra manzo, pollame e maiale in Svizzera ne mangiamo 51 chilogrammi a testa all’anno (un po' sotto la media europea). E per la salute del nostro pianeta è davvero troppo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2021 - 10:00
Francesca Luvini, Falò RSI

La produzione di mangimi e le emissioni di metano dei ruminanti inquinano più della mobilità. Sono considerazioni fatte a livello mondiale, ma l’onda verde ha investito anche la politica svizzera, la cui attenzione si è spostata anche sul nostro piatto di carne.

Falò, la trasmissione di approfondimento della RSI, ha chiesto a produttori e consumatori se e come si possono ridurre, rispettivamente, il consumo di carne e il suo impatto ambientale. Cosa succederebbe se tutti limitassimo o addirittura abolissimo la carne dalla nostra borsa della spesa? Esistono un consumo e una produzione che possiamo considerare più sostenibili? La Svizzera come si posiziona all’interno di questo dibattito agricolo e climatico?

Tutte domande che Falò ha cercato di dare una risposta: ecco la trasmissione:

Contenuto esterno


tvsvizera.it/fra con RSI


Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.