Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Caccia all'uomo finita Sparatoria di Zurigo, nessun legame col terrorismo

L’autore della sparatoria di lunedì in un centro islamico di Zurigo è l’uomo trovato morto a qualche centinaio di metri di distanza. Si tratta di uno svizzero di 24 anni. Lo ha reso noto la polizia, precisando che non vi sono indizi di legami col terrorismo.

Nell’aggressione, avvenuta in centro di culto nei pressi della stazione centrale della Città, sono rimasti feriti in modo medio-grave tre uomini di 30, 35 e 56 anni. Lo sparatore, vestito di nero e col volto coperto, è penetrato nel luogo di culto verso le 17.30 in presenza di diversi fedeli e ha esploso un numero imprecisato di colpi.

L’uomo – uno svizzero di 24 anni – si è poi tolto la vita; il suo corpo è stato ritrovato in riva al fiume Sihl. Secondo quanto comunicato dalla polizia in una conferenza stampa indetta martedì pomeriggio, l’autore della sparatoria è la stessa persona che domenica aveva ucciso un uomo in un parco giochi della città.

L’autore dei delitti aveva legami con gli ambienti occultistici, ha indicato la comandante della polizia criminale zurighese Christiane Lentjes.

La sua identità era già stata ricostruita dopo il delitto di domenica, ma le forze dell'ordine non sono riuscite a rintracciarlo in tempo. L'autore delle delitti non ha alcun legame con l'ISIS, ha sottolineato la comandante.

Le condizioni delle tre persone ferite durante la sparatoria nel centro islamico di Zurigo sono considerate stabili.

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG 12.30 del 20.12.2016)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×