Navigation

Basilea sotto la lente, tra farmaceutica e frontiera

Keystone


Basilea e Ticino sono ai lati opposti (non solo geografici) della Confederazione ma pur nelle evidenti differenze - dinamica città industriale e commerciale germanofona la prima, cantone italofono montagnoso e periferico il secondo – condividono diverse caratteristiche.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2019 - 20:59
tvsvizzera/spal con RSI (TG dell'1.10.2019)

Entrambi si trovano sulla frontiera e sono confrontati con problematiche analoghe (traffico, frontalierato, concorrenza dei centri commerciali dell'estero per citarne solo alcune). Ma anche queste peculiarità comuni non vengono vissute con lo stesso spirito. Almeno apparentemente.

Contenuto esterno


Significativa è la questione del frontalierato. Anche a Basilea giungono quotidianamente 33'000 lavoratori da Francia e Germania per svolgere un'attività meglio remunerata rispetto al loro paese di provenienza. Ma la disoccupazione in riva al Reno è ai minimi storici, poco sopra il 2%, e l'argomento non interessa l'opinione pubblica e non viene neanche dibattuto dalla politica locale. 

Ma è pure vero che, anche se non si riscontrano le distorsioni del mercato del lavoro che a volte emergono in Ticino, qualche problema inizia a manifestarsi tra i disoccupati basilesi poco qualificati, confrontati con la concorrenza straniera.

Anche a Basilea poi i cittadini sconfinano volentieri per i loro acquisti, attratti dall'euro basso rispetto al franco svizzero. Ne sanno qualcosa i promotori di centri commerciali svizzeri che devono lottare strenuamente e rinnovare continuamente le loro strategie per mantenere la loro quota di mercato.

Ma le elezioni del 20 ottobre ci potranno dire se la progressista Basilea, capitale europea dell'industria farmaceutica rivolta all'estero, sarà diventata un po' più chiusa su se stessa, ovvero, se è consentito il paragone, un po' più ticinese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.