Navigation

Almeno il 30% di donne ai vertici delle grandi aziende

L'obbligo di assicurare una presenza femminile nei cda e nelle direzioni riguarda 250 società; avranno 5 anni di tempo

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2014 - 21:46

Più donne nei consigli d'amministrazione e nelle direzioni delle società quotate in borsa. Lo esige il Consiglio federale, che venerdì ha deciso di introdurre un obbligo di rappresentanza femminile di almeno il 30% alle società che soddisfano almeno due di questi tre criteri: 40 milioni di cifra d'affari, 20 di bilancio e almeno 250 impiegati.

Per il governo, è la misura giusta per finalmente abbattere il cosiddetto 'soffitto di vetro' e sfruttare il potenziale presente nel Paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.